Coronarografia

Ogni anno eseguo dei controlli di accertamento poichè sono un iperteso (pressione stabilizzata 140/80) e soffro di extrasistole.
Da un tracciato dell'holter dinamico 24 ore sono state rilevate diverse fasi, anche di lunga durata, in cui l'onda T è negativa soprattutto in CH1 ma volte anche in CH3; piu' raramente il tratto ST è leggermente sottoslivellato in CH1 senza mai raggiungere i limiti della significatività.
Dietro questo mi è stato consigliato una coronarografia con l'esito che le riporto: "Coronografia selettiva esente da lesioni significative. RAMO IVA: il ramo interventricolare anteriore presenta una lesione aterosclerotica inducente stenosi angiograficamente non significativa (30%). RAMO CX: il ramo circonflesso appare dominante e presenta ateromasia diffusa in assenza di stenosi emodinamicamente significative. Il ramo intermedio appare ampio e presenta una lesione aterosclerotica inducente stenosi subcritica (50%). Coronaria dx: ipoplasica, in assenza di stenosi significative. Complicanze: nessuna."
Inoltre, ho concluso con ECG sotto sforzo con risultati negativi.
Essendo un tipo ansioso e preoccupato vorrei avere delle delucidazioni in merito.
La coronarografia ha evidenziato la presenza di alcuni restringimenti a carico delle sue coronarie che tuttavia non sono da considerare determinanti una patologia coronaria vera.
E’ evidente che deve farsi seguire da uno specialista cardiologo che Le consiglierà le indagini da effettuare.
Deve, inoltre, assumere una terapia farmacologia che Le verrà consigliata. Naturalmente deve ridurre a zero tutto ciò che può peggiorare la situazione, controllando tutti i fattori di rischio come la pressione arteriosa, la colesterolemia, il fumo, la glicemia, il peso corporeo, l’inattività fisica, etc.
Prof. Maurizio Volterrani
IRCCS San Raffaele Pisana
Vuoi contattare i nostri esperti?
Effettua il login o crea un nuovo account.