Obiettivo integrazione: il San Raffaele e gli oratori del Viterbese. Un primo incontro nella Chiesa del Murialdo preludio a un nuovo progetto

Ospiti per un giorno di uno dei più grandi oratori del Viterbese e di Don Angelo Bissoni, parroco della Chiesa del Murialdo, i pazienti del Servizio semiresidenziale del centro di riabilitazione del San Raffaele Viterbo. Un evento che punta all’integrazione sociale, organizzato anche con la Comunità di Sant’Egidio, dal referente della struttura per le attività pastorali, Massimo Bianchi. La giornata è stata scandita da momenti conviviali e in particolare da un pranzo condiviso con gruppi di persone provenienti da Todi, Viterbo e Roma.

L’appuntamento  segue un progetto di integrazione che ha previsto ben 50 uscite e visite nei monasteri del territorio e sarà preludio a un altro progetto che coinvolgerà gli oratori in una nuova storia di solidarietà e collaborazione.

Vota questo contenuto