Pillole di Medicina

a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z

Sarcopenia

E' un processo di senescenza caratterizzato dalla progressiva perdita della massa muscolare e dalla riduzione della forza stessa intesa come la massima forza espressa da un muscolo.
Vota questo contenuto
↓ espandi

Schizofrenia

Gruppo di disturbi mentali psicotici caratterizzato da un'alterazione profonda del rapporto con la realtà da dissociazione mentale, da autismo e altri disturbi della sfera affettiva e del comportamento.
Vota questo contenuto
↓ espandi

Sclerosi multipla

La sclerosi multipla è una malattia autoimmune con una evoluzione estremamente variabile. comunque più frequente nelle donne, in un rapporto di 3 a 2 rispetto agli uomini, e colpisce prevalentemente nella fascia d'età compresa fra i 20 e i 40 anni con un picco intorno ai 20-30. Secondo i dati più recenti, ne soffrono nel mondo 3 milioni di persone, oltre 50 mila in Italia, con quasi 2.000 nuovi casi l'anno. Si tratta di una grave patologia cronica del sistema nervoso centrale caratterizzata dalla distruzione della mielina, la guaina che avvolge le fibre nervose e che, funzionando da isolante elettrico, consente di migliorare ed aumentare la velocità di trasmissione degli impulsi nervosi. I primi sintomi che si presentano sono un disturbo della vista, una neurite ottica, oppure disturbi della sensibilità o motori
Vota questo contenuto
↓ espandi

Scompenso cardiaco

In condizioni normali il cuore fornisce la spinta che serve a far scorrere il sangue nelle arterie e a farlo arrivare a tutti gli organi. Il sangue è il veicolo che trasporta l’ossigeno e il nutrimento in tutto il corpo consentendo agli organi quindi di vivere e funzionare bene. Nello scompenso cardiaco il cuore non è più in grado di svolgere questo compito. Quindi lo scompenso cardiaco è l’incapacità del cuore di pompare il sangue in misura sufficiente a soddisfare le esigenze dell’organismo. Tra le tante cause dello scompenso cardiaco, le più frequenti sono:

  • la cardiopatia ischemica: al cuore non arriva per un periodo più o meno lungo la quantità sufficiente di sangue e quindi di ossigeno – angina e infarto – per cui con il trascorrere del tempo, non riuscendo a lavorare bene e venendo danneggiato, il cuore si scompensa.
  • le disfunzioni valvolari: una o più delle quattro valvole del cuore non funziona bene e causano un sovraccarico al cuore superiore alle sue capacità di contrazione.
  • l’ipertensione arteriosa: la pressione è alta e il cuore deve lottare continuamente contro una resistenza allo scorrere del sangue, scompensandosi.
  • le miocardiopatie: malattie del miocardio, il tessuto muscolare del cuore che lo fa contrarre.
  • le infezioni: molte infezioni virali aggrediscono il muscolo cardiaco che danneggiandosi non funziona più bene.

 

Vota questo contenuto
↓ espandi

Sindrome dell'X Fragile

La sindrome dell'X Fragile è un'anomalia genetica del cromosoma X che porta a sviluppo ritardato e ad altri sintomi. I sintomi della sindrome dell'X Fragile sono causati da anomalie nel DNA del cromosoma X. Spesso, i ragazzi affetti ereditano tale patologia dalle loro madri. Molti bambini affetti da tale sindrome presentano un quoziente intellettivo normale. Tuttavia la sindrome rappresenta la causa genetica di ritardo mentale più frequentemente diagnosticata oltre alla sindrome di Down.
Vota questo contenuto
↓ espandi

Sindrome di Down

La sindrome di Down (trisomia 21) è un'alterazione cromosomica che provoca ritardo mentale e anomalie fisiche. La presenza di un cromosoma in più viene definita trisomia. La più comunce trosomia in un neonato è la trisomia 21 (tre copie del cromosoma 21), responsabile di circa il 95% dei casi di sindrome di Down. Madri meno giovani, specialmente quelle di età superiore ai 35 anni, sono maggiormente soggette allo sviluppo di un cromosoma in più rispetto alle madri più giovani. Di conseguenza, molto spesso danno alla luce neonati affetti da sindrome di Down. Tuttavia, il cromosoma extra può provenire dal padre.
Vota questo contenuto
↓ espandi

Sindrome di Noonan

La sindrome di Noonan è un'anomalia genetica che provoca diverse anomalie fisiche, tra cui bassa statura, difetti cardiaci e aspetto anomalo. Tale sindrome può essere ereditata o può svilupparsi in modo imprevisto in bambini i cui genitori hanno geni normali. Si ritiene che il gene responsabile della sindrome sia presente nel cromosoma 12.
Vota questo contenuto
↓ espandi

Sirtuine

Le sirtuine (SIRT) sono una famiglia di deacetilasi conservate negli eucarioti e coinvolte in molteplici processi cellulari. Nei mammiferi esistono sette sirtuine (da 1 a 7) che regolano molti aspetti del metabolismo energetico e, soprattutto, modulano lo stato di acetilazione della cromatina e la sua trascrivibilità.

Le sirtuine sono coinvolte nel ritardo dell’invecchiamento inibendo l’apoptosi e attivando la riparazione molecolare e il mantenimento di cellule post-mitotiche, il reclutamento e la proliferazione di cellule staminali.

Vota questo contenuto
↓ espandi

Stato di minima coscienza

Lo stato di minima coscienza viene considerato una possibile evoluzione dello stato comatoso, in alternativa allo stato vegetativo.
Si distingue dallo stato vegetativo perchè il paziente in stato di mimina coscienza presenta comportamenti associati alle attività di coscienza, ad esempio:

  • ha gli occhi aperti spontaneamente o li apre se stimolato
  • segue con lo sguardo uno stimolo visivo
  • può dare risposte intenzionali dopo ordine verbale semplice o su imitazione, ad esempio stringere la mano, muovere un dito
  • in genere non parla o emette suoni non significativi
  • in genere riacquisisce la capacità di deglutire.  
Vota questo contenuto
↓ espandi

Stato vegetativo

Lo stato vegetativo è uno stato clinico conseguente al coma o che, nella fase terminale della vita, può precedere il coma. 
La definizione internazionalmente accettata dello stato vegetativo indica una condizione clinica in cui il paziente è sveglio, ha gli occhi aperti (mentre nel coma gli occhi sono sempre chiusi), ma non è cosciente ovvero non è consapevole di sé e dell'ambiente che lo circonda. Il paziente in stato vegetativo, infatti, non è in grado di comunicare con l'ambiente circostante.

.

Vota questo contenuto
↓ espandi

Stroke

Dall’inglese "to strike" (colpire, urtare) indica un evento improvviso acuto in una qualsiasi parte del cervello che si manifesta con un danno neurologico, il quale può essere più o meno grave a seconda delle sedi in cui si verifica. 
Lo stroke, conosciuto il più delle volte con il suo termine latino "ictus", ha luogo quando una parte del tessuto cerebrale cede, esplode: fa, appunto, "strike”.

Esistono due tipi di stroke: quello ischemico e quello emorragico.

Vota questo contenuto
↓ espandi