Pillole di Medicina

a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z

Tecarterapia

La Tecarterapia (Trasferimento Energetico Capacitivo Resistivo) è una terapia fisioterapica del tutto innovativa che stimola energia dall'interno dei tessuti, attivando naturali processi riparativi e antinfiammatori attraverso uno strumento d'alta tecnologia.

La Tecarterapia riduce il dolore e abbrevia i tempi di recupero riabilitativi. L'idea di trasferire energia ai tessuti lesi a scopi terapeutici è comune a molte terapie fisioterapiche che si fondano sull'irradiazione di energia. Tuttavia, ciò che le differenzia dalla Tecarterapia è la modalità di trasferimento energetico: irradiazione di energia dall'esterno nelle prime, utilizzo di energia endogena nella seconda, che si realizza attraverso il richiamo nell'area di trattamento di cariche elettriche presenti sotto forma di ioni nei tessuti. Questo meccanismo crea una forte stimolazione a livello cellulare, riattiva la circolazione, incrementa la temperatura interna e innesca precocemente i meccanismi fisiologici.
L’effetto biologico definitivo della tecarterapia è un incremento della velocità dei processi riparativi attraverso una vasodilatazione da aumento di calore distrettuale che determina un aumento della funzionalità dei processi riparativi. I report scientifici evidenziano che la tecarterapia può significativamente ridurre fino a dimezzare i tempi di recupero su vari tipi di patologie osteo articolari e muscolo tendinee.

Vota questo contenuto
↓ espandi

Tendinite

La tendinite è l'infiammazione di un tendine. I tendini sono corde fibrose di tessuto resistente che connettono i muscoli all'osso, alcuni sono avvolti da guaine. La tendinite di solito si verifica in età media o avanzata, quando i tendini diventano più predisposti alle lesioni. Tuttavia, si può verificare anche in soggetti giovani che si sottopongono ad un'attività fisica intensa e che eseguono lavori ripetitivi.


Vota questo contenuto
↓ espandi

Timpano, perforazione del

L'infezione dell'orecchio medio (otite media) è la causa più frequente di perforazione timpanica. Il timpano può essere perforato anche da un improvviso cambiamento di pressione: un aumento come nel caso di un'esplosione, uno schiaffo o un'immersione subacquea; una riduzione, come avviene durante un volo aereo. Un'altra causa è rappresntata dall'ustione provocata da calore o da sostanze chimiche. La perforazione può essere anche dovuta a oggetti introdotti nell'orecchio, come un tampone di cotone.
Vota questo contenuto
↓ espandi

Tiroide

La tiroide è una ghiandola situata nella regione anteriore del collo, alla base della gola; essa influenza l'attività di buona parte dell'organismo attraverso gli ormoni che produce e secerne nel circolo sanguigno. Si tratta quindi di una ghiandola endocrina; ghiandola perché sintetizza e libera ormoni, endocrina perché riversa il suo secreto nei liquidi interni all'organismo, nello specifico nel sangue.
La tiroide ha un ruolo importantissimo nel controllare il nostro metabolismo, cioè tutte le funzioni del corpo.
Per farlo, produce degli ormoni specifici, la T4 (tetra-iodotironina) e la T3 (tri-iodotironina), sostanze contenenti iodio, che viaggiano nel sangue per raggiungere tutti gli organi. Sono gli ormoni tiroidei a dire all'organismo quanto veloce deve lavorare e come usare l'energia; essi inoltre hanno un ruolo fondamentale nella crescita e nello sviluppo degli organi: regolano la velocità dei battiti del cuore, il livello di colesterolo, il peso corporeo, la forza muscolare, le condizioni della pelle, la vista, il ritmo delle mestruazioni, lo stato mentale e tante altre funzioni.
La tiroide può produrre una quantità eccessiva di ormoni (ipertiroidismo), facendo sì che il corpo usi energia più velocemente del normale, o troppo poca (ipotiroidismo), facendo usare l'energia più lentamente. La ghiandola può subire infiammazioni (tiroiditi) o ingrandirsi (gozzo), o produrre una o più tumefazioni (noduli); alcuni di questi noduli possono essere sedi di tumori.

Vota questo contenuto
↓ espandi

Tomografia Computerizzata

La Tomografica Computerizzata (TC) consente di elaborare le immagini radiografiche tramite il computer ottenendo così sezioni trasversali (bidimensionali) molto dettagliate dell'interno dell'organismo che si sta analizzando. Nel caso di una frattura la TC può mostrare caratteristiche non rilevate alla radiografie standard, come il dettaglio fine di una superficie articolare fratturata o rilevare aree di frattura nascoste all'osso sovrastante.
Vota questo contenuto
↓ espandi

Trombofilia

Con il termine trombofilia si indica una condizione associata ad una aumentata tendenza a sviluppare trombosi.
Identificata inizialmente come una condizione ereditaria acquisita, essa è ora considerata una malattia multifattoriale, con una compartecipazione di fattori di rischio congeniti ed acquisiti.
Numerose evidenze sperimentali suggeriscono che donne con trombofilia hanno un rischio aumentato non solo di tromboembolismo venoso associato alla gravidanza, ma anche di numerose complicanze vascolari della gravidanza stessa, incluso l’aborto ricorrente, la pre-eclampsia ed il ritardo di crescita intrauterina.
Inoltre, donne portatrici di difetti trombofilici ereditari dovrebbero essere avvertite del rischio trombotico associato all’uso di contraccettivi orali o terapia ormonale sostitutiva.
Vota questo contenuto
↓ espandi

Tunnel Carpale

La Sindrome del Tunnel Carpale (STC) è dovuta alla compressione del nervo mediano al polso, nel suo passaggio attraverso il tunnel carpale.
In condizioni di affaticamento o degenerazione infiammatoria degli elementi che costituiscono il tunnel (ossa, legamenti e tendini), la pressione nel canale del carpo aumenta ed il nervo mediano rimane compresso con una condizione di sofferenza che causa dolore e parestesie (formicolii).

La diagnosi di STC viene effettuata tramite esame EMG (elettromiografia) o ENG (elettroneurografia).
La terapia della Sindrome del Tunnel Carpale può essere conservativa o chirurgica.
Il trattamento conservativo è da tentare se non ci sono deficit della forza o della sensibilità o severe anomalie all'esame EMG/ENG.


Vota questo contenuto
↓ espandi